Notizie sull'alimentazione
Segui su Twitter
Alimenti ProprietÓ
A - B - C - D - E
F - G - K - L - M - N
O - P - Q - R
S - T - U - V - Y - Z
Alimenti particolarmente ricchi di antiossidanti
...........................................
...........................................
Mister Loto Alimentazione
...........................................
Mister Loto Alimentazione
Segui via email
Questo sito utilizza la Creative Commons License l Privacy e Note Legali l Author Mr. Loto
Creative Commons License
Iscriviti ai feed dell'alimentazione
Iscriviti ai feed dell'alimentazione
Liquirizia: ProprietÓ e Benefici

La liquirizia Ŕ una pianta erbacea perenne della regione mediterranea, appartenente alla famiglia delle Papilionacee. Conosciuta da oltre 35 secoli, la traduzione del suo nome dal greco significa "radice dolce", era impiegata a scopi curativi dagli antichi medici cinesi e fu citata da Ippocrate come sostanza curativa della tosse. Le notizie pi¨ antiche riguardanti la liquirizia e le sue proprietÓ risalgono a circa 6.000 anni fÓ e se ne trovano addirittura tracce nelle tombe di alcuni faraoni egiziani. La liquirizia e le sue proprietÓ curative, come abbiamo visto, erano giÓ note alla medicina greco-romana, egiziana ed indiana; oggi, grazie ad uno studio della Rutgers Univerity del New Jersey, la liquirizia potrebbe rivelarsi anche un'ottima arma contro alcuni tipi di tumore.
I principi attivi della liquirizia sono costituiti da  saponine triterpeniche, principalmente glicirrizina, triterpeni e stiroli, circa 30 tra flavonoidi e isoflavonoidi, colina, betaina ed altre sostanze amare.


ProprietÓ Curative e Benefici della Liquirizia

Fin dagli inizi degli anni '80  sono stati dimostrati i benefici di alcuni principi attivi della liquirizia nei confronti di differenti tipologie di infezioni virali; ma la notizia pi¨ positiva arriva dall'America dove alcuni ricercatori del New Jersey hanno testato una molecola proveniente dalla liquirizia, la BHP, su tessuti prelevati dal tumore alla prostata e al seno. E' stato dimostrato che le proprietÓ di tale molecola sono in grado di inibire lo sviluppo delle cellule tumorali sopracitate. Ed Ŕ grazie a questi studi che si sono ampliate le speranze per l'attuazione di nuove e pi¨ efficaci terapie. Interessante sottolineare il fatto che la BHP appartiene alla classe dei polifenoli, che come giÓ sappiamo, esercitano un efficace azione antitumorale. Attualmente la liquirizia e i suoi estratti vengono regolarmente utilizzati come: cura dell'apparato respiratorio, antiinfiammatorio e cicatrizzante, lassativo, protettore dei vasi sanguigni, ipertensivo, dolcificante e dissetante.

Uno studio fatto alla Nankai University, in Cina, ha rivelato come la liquirizia potrebbe dimostrarsi un ottimo alleato nella cura del tumore al fegato; sembra infatti che l'acido glicirrizico contenuto nella liquirizia possa venire impiegato come "trasportatore" per portare al bersaglio i farmaci antitumorali. I risultati di tale ricerca sono stati pubblicati sulla rivista "Chemistry & Industry".
La liquirizia pu˛ causare ipopotassiemia, ossia la riduzione della percentuale di potassio nel sangue, e pu˛ anche causare ipertensione arteriosa; da sconsigliarne il consumo in presenza di insufficienza renale o epatica, sovrappeso, ipertensione. In ultimo la liquirizia pu˛ interferire con l'uso di diuretici o farmaci a base di cortisone; in questo caso Ŕ sempre necessario consultare un medico.
Numerose sostanze estratte dalle radici della liquirizia, prima fra tutti la glabridina, sia in quantitÓ che in qualitÓ, hanno dimostrato di svolgere un'azione efficace contro il colesterolo e l'arteriosclerosi.
Cerca nel Sito
Benvenuti nella sezione dell'alimentazione !
Composizione Chimica
Liquirizia: ProprietÓ e Benefici
Effetti cardiovascolari
Liquirizia: ProprietÓ e Benefici
Liquirizia: ProprietÓ e Benefici
CuriositÓ sulla Liquirizia
Negli ospedali francesi veniva utilizzata insieme a gramigna ed orzo per preparare una tisana chiamata "bonne-Ó-tout".

La liquirizia non dovrebbe essere consumata mentre si stanno facendo cure omeopatiche, lo stesso dicasi per la menta.

Fino dall'antichitÓ l'uso della liquirizia Ŕ stato quello di preparare bevande dissetanti, il pi¨ delle volte in unione ad altre sostanza, tipo il coriandolo.

Le radici di liquirizia si raccolgono in autunno da piante che hanno almeno quattro anni di vita, si pelano e si mettono ad essiccare al sole. Le radici di liquirizia sono un ottimo palliativo per chi intende smettere di fumare e anche nella gestualitÓ riescono in qualche modo a sostituire la sigaretta.
Effetti Collaterali
Tisana alla liquirizia
La tisana a base di liquirizia ha proprietÓ digestive e leggermente lassative; per la sua preparazione necessitano 60 grammi di radici di liquirizia che dovranno essere lasciate in infusione per circa un'ora in un litro di acqua bollente. Addolcite con miele.
Controindicazioni
Uno studio condotto all'universitÓ di Helsinki ha dimostrato che un eccessivo consumo di liquirizia in donne in gravidanza, potrebbe provocare danni al cervello ai bambini che portano in grembo. Questo perchÚ, uno dei componenti della liquirizia, la glicirizzina, si Ŕ verificato dannoso per la placenta, danneggiandola e permettendo il passaggio anomalo di alcuni tipi di ormoni.
Liquirizia
Versione inglese
Liquirizia
Liquirizia pura
Liquirizia
...........................................
...........................................
2
Contatti
Questa non Ŕ una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale; esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualitÓ per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle nÚ modificarle, perchÚ tutti i suggerimenti che trovi su www.mr-loto.it  devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.
Iscriviti ai feed dell'alimentazione